Una locomotiva che funziona ancora: 80mq e un nuovo finanziamento dalla Tavola Valdese

La Piccola Libreria 80mq riparte … più operativa che mai!
Oltre al nuovo calendario già ricco di eventi, siamo lieti di annunciare che, anche quest’anno, ci siamo mostrati laboriosi e degni di fiducia e la Tavola Valdese ha deciso di destinare parte del suo Otto per Mille (ben 10.000€) alle nostre attività, oltre che a quelle di numerosissime altre associazioni su suolo italiano.
Negli scorsi anni, abbiamo usato i fondi donatici per ampliare la nostra biblioteca (che oggi ospita oltre un migliaio di volumi ed è libera, gratuita e aperta a tutti) e per realizzare il progetto “Solo per cultura: AMMUINAMM’ ‘STU PAESE“, che ha dato la possibilità ad autori emergenti della Campania di pubblicare il proprio libro e che ha consentito ad artigiani del luogo di creare opere che hanno rivalutato siti del nostro paese.
Quest’anno abbiamo in mente qualcosa che coinvolgerà tutti … ovviamente, tutti coloro che sono interessati!
Non possiamo ancora dirvi di cosa si tratta, ma possiamo anticiparvi che sarà l’occasione giusta per portare le proprie esperienze e le proprie idee, da amalgamare e modellare insieme, così da creare un’opera meravigliosa che si basa sull’immaginazione e la condivisione!
Ci preme sottolineare, infine, che faremo il possibile perché l’utilizzo di tali fondi venga fatto nella totale trasparenza, rendendo conto a tutti di come verranno investiti.
Per saperne di più, continuate a seguirci!

Le Attiviste e gli Attivisti del Laboratorio 80mq

Programma delle attività ottobre 2018 gennaio 2019

La Piccola Libreria 80mq è al lavoro per raccontare i veri eroi, quelli che combattono per un mondo fatto di passione e non di denaro: sono eroi fatti di inchiostro, colla e carta, e che per questo da oggi li chiameremo EROI DI CARTA.

PROGRAMMA:

03 Ott // Proiezione del film Grazie signora Thatcher
13 Ott // Visitata guidata a Valogno, borgo d'arte
14 Ott // EROI DI CARTA: Le case di Valogno raccontate a mezza riga, di Angelo Veltre
11 Nov // EROI DI CARTA:  Un giornale fuorilegge di Tracce ribelli
14 Nov // Serata con giochi da Tavolo e non solo
02 Dic // EROI DI CARTA: Denti Ridenti di Massimo Gerardo Carrese
13 Gen // EROI DI CARTA: Mediterraneo di Sergio Nazzaro

Iniziamo un nuovo percorso alla ricerca di EROI DI CARTA

In un mondo dominato dal profitto sembra non esserci più spazio per le passioni e le emozioni.
In un mondo dominato dal Dio Denaro, chi sopravvive alle logiche di mercato e di consumo è, per noi di 80mq, un EROE.
Per questo abbiamo deciso di aprire un nuovo ciclo alle presentazioni con autore che lanceremo da questo ottobre, con cadenza quadrimestrale: il suo nome sarà EROI DI CARTA.
I protagonisti di EROI DI CARTA saranno autori emergenti e non, che scelgono di scrivere e pubblicare per raccontare una storia, un pensiero o un sentimento, senza cadere nel gioco dello “scrivo quel che gli altri vogliono leggere”; editori locali, che combattono contro i grandi gruppi editoriali, riuscendo a portare avanti lotte etiche, come quella dell’uso esclusivo di carta riciclata.

Settembre è da 10 anni un mese di reinizio e di cambiamenti per 80mq e, in particolar modo, quest’anno ne abbiamo diversi da annunciare; iniziamo da qui, con l’apertura di questo nuovo ciclo, per raccontare a tutti chi sono i veri eroi che combattono per un mondo fatto di passione e non di denaro: sono eroi fatti di inchiostro, colla e carta, e che per questo da oggi li chiameremo EROI DI CARTA.

A breve il programma completo fino a Gennaio 2019.

La Piccola Libreria 80mq va in ferie e da appuntamento a Settembre

Tempo di ferie anche per gli attivisti di 80mq.

Come di consuento, con l’arrivo di Agosto sospendiamo tutte le attività sociali per godere anche noi un meritato riposo.

Insieme al nostro riposo annunciamo che la Piccola Libreria 80mq resterà chiusa per ferie e dà appuntamento a Settembre.

 

per info o contatti: piccolalibreria80mq@yahoo.it o fermateci per strada e chiedete pure

Come può un’associazione No Profit pagare 400 euro di TARI?

E’ da 9 anni che liberiamo il nostro tempo per lasciare un segno su un territorio che non accetta facilmente di cambiare ed è da 9 anni che questo impegno viene ostacolato da imposte e tasse che un’associazione di volontariato non dovrebbe pagare.
Sia chiaro, fin dall’inizio abbiamo messo in conto che l’attivismo sociale non sarebbe stato facile, ma si resta comunque basiti quando a scontrarsi con l’associazionismo è l’assenza di un sostegno costante da parte di chi amministra i nostri territori.
Nella foto in allegato vi mostriamo le bollette TARI ricevute negli ultimi 3 anni che, unite a quelle degli anni precedenti, comportano una spesa per la nostra piccola sede associativa di oltre 3.000 €: soldi che avremmo potuto investire in attività culturali e sociali, e che invece finiscono per foraggiare un servizio di raccolta che spesso funziona a singhiozzo.
E’ assolutamente illogico che un’associazione no-profit debba pagare tariffe tanto elevate; la nostra sede sociale è adibita a BIBLIOTECA, l’unica biblioteca pubblica sul territorio caleno, con un ruolo culturale e sociale rilevante.
Questo nostro sfogo non vuole essere un attacco verso una specifica compagine amministrativa perché, appunto, sono nove anni che viviamo questa situazione e ogni volta abbiamo palesato questo problema a diversi interlocutori politici.
La nostra è una richiesta di aiuto con cui, ancora una volta, chiediamo che si scelga la strada politica del sostegno al volontariato e all’associazionismo, iniziando dall’accelerazione della nascita di un Albo delle Associazioni che preveda la riduzione delle imposte locali per chi fa attivismo sociale.
Due anni fa, fu la popolazione calena ad aiutarci con un evento di autofinanziamento con cui avviammo il recupero della villetta di Visciano, fino a quel momento totalmente abbandonata. Quest’anno abbiamo idea di ripetere un’esperienza simile, con formule nuove ma sempre la stessa convinzione: chi lavora da anni per promuovere il territorio, difendendolo da sversamenti abusivi e diffondendo la cultura del riciclo attivo, non può morire per una tassa sui rifiuti!
 
Le/Gli Attiviste/i di 80mq

Intitolazione della Biblioteca 80mq a Pasqualino De Stefano

Le vere domande e le vere risposte non sono fatte di parole: sono fatte di azioni, di gesti, di atti, di opere in cui possono anche essere compresse le parole. Eppure ogni cosa fatta in qualche modo la si paga in ansia, in successo e, se tutto va bene, in nostalgia.

Per me, una persona eccezionale è quella che si interroga sempre, laddove gli altri vanno avanti come pecore.

(Fabrizio De André)

 

Non ci potrebbero essere parole più veritiere per descrivere una persona a noi tanto cara quanto Pasqualino De Stefano. Sono passati ormai quasi cinque anni dalla sua scomparsa, ma il suo ricordo resta vivo in tutti noi attivisti della Piccola Libreria 80mq.

Pasqualino è stato un esempio per tutti i cittadini caleni, un uomo impegnato nel sociale per la diffusione della cultura e la tutela del territorio: presidente della Pro Loco Cales Novi, è sempre stato in prima linea affinché Calvi Risorta si risollevasse con manifestazioni che coinvolgessero l’intera popolazione.

C’è un aneddoto, in particolare, che può aiutare a immaginare bene la sua natura: Pasqualino era solito mettere anima e corpo in ogni attività della sua associazione, a volte rimettendoci anche di tasca propria, al punto che la moglie gli rimproverava spesso questo suo coinvolgimento che poteva portare frustrazione e anche delusione; ma Pasqualino rispondeva semplicemente con un: “Fra’, lascia stare: tu non puoi capire”. Questo perché se non vivi l’associazionismo fino in fondo, incondizionatamente, non puoi capire la gioia che ne scaturisce.

Pasqualino ha collaborato anche con la Piccola Libreria 80mq, agli albori, quando era una realtàancora poco conosciuta e affermata sul nostro paese. Ricordiamo con affetto e commozione quando, armato solo della sua voce e della sua chitarra, con la formazione “Mille Papaveri Rossi” (con Peppe Izzo alla chitarra, Pino De Micco al pianoforte e alla tastiera, Tonino Allocca al basso, Davide Izzo al violino e fricorno e Giovanni De Stefano alla batteria e alla tromba) ha messo in scena un omaggio musicale a Fabrizio De André, suo artista preferito, regalandoci uno dei compleanni più belli in assoluto della Libreria.

In ricorrenza dell’edizione IX di LIBrERiAZIONE e del nono anniversario della nascita della nostra associazione, dunque, abbiamo voluto fare qualcosa per commemorare Pasqualino. Come ben sapete, da settembre la Piccola Libreria 80mq si è trasformata completamente in una biblioteca, che mette a disposizione tutti i libri presenti sugli scaffali e che spesso ci vengono donati da tutti coloro che apprezzano l’importanza della condivisione e della lettura; tuttavia, questa raccolta non ha ancora assunto “un’identità” propria: è per questo motivo che abbiamo deciso di intitolarla e dedicarla proprio a Pasqualino, un vero e proprio simbolo dell’associazionismo, come ringraziamento per la sua presenza e il suo operato.

L’intitolazione ci sarà il 21 aprile alle ore 18:00.

Nel corso della giornata ci concentreremo anche su un tema molto importante: “1943 – 2018: DALLO SBARCO DI SALERNO ALLE BOMBE SU AFRIN” con Gianni Cerchia, autore del libro La memoria tradita. La seconda guerra mondiale nel mezzogiorno d’Italia.

Siete tutti invitati!